Creare legami

Imparare ad osservare i propri pensieri e comportamenti, è potente quanto la volontà di addomesticare l’acredine dell’inconsapevolezza, dell’Ego.

Quando siamo in quella condizione, il cuore non può fare l’esperienza della consapevolezza, della presenza. Non può quindi guidarci con tenerezza.  

“Cosa vuol dire addomesticare?”- chiese il piccolo principe. “E’ una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami…”
“Creare dei legami?”
 

La fretta, la stanchezza, l’impulsività, la depressione sono stati dell’Ego abusanti, violenti, capaci di sabotare ogni tentativo di osservazione autentica. Sono gabbie che intrappolano i nostri pensieri e ne impediscono il sorgere di altri più luminosi senza che ce ne accorgiamo veramente.

È proprio in quei momenti che dobbiamo imparare a sostenere la volontà del cuore, con amore e pazienza, affinché l’Ego, possa essere piano piano addomesticato.

Addomesticare la mente, significa creare un legame con lei, impedirle di guidare per noi i pensieri, fugare, pertanto, l’acre grigio della non presenza.  

“Che bisogna fare?” domandò il piccolo principe.
 “Bisogna essere molto pazienti”, rispose la volpe.

Marika Lovecchio, Psicologa